5 strategie fondamentali per vendere con il tuo eCommerce

Hai realizzato un bellissimo negozio di eCommerce e aspetti con entusiasmo il traffico per iniziare a vendere.

È a questo punto che molti commercianti iniziano a capire che, senza una buona strategia di marketing, questo traffico non arriverà mai. È facile sentirsi frustrati o confusi per l’ampia varietà dei diversi canali di marketing a tua disposizione, ma non preoccuparti. Ho scritto questo articolo per presentarti 5 delle strategie di marketing più efficaci per il tuo eCommerce.

 

1. Investi in una strategia di contenuti di alta qualità

Molti proprietari di eCommerce vedono il content solo come un canale di marketing efficace, ma per alcuni il content è la linfa vitale dell’intera attività.

Il content è una delle strategie di marketing più efficaci e gratificanti perché si collega con praticamente ogni altro strumento di marketing. Ad esempio, un semplice post sul blog potrebbe essere utilizzato nella tua strategia di email marketing, sui tuoi account social e per strategie di targeting per parole sui motori di ricerca, aiutando contemporaneamente a costruire il tuo brand e posizionare il tuo sito come un’autorità in una specifica nicchia.

La tua strategia di content deve concentrarsi principalmente sulla creazione di contenuti preziosi che parlano direttamente al pubblico. La spina dorsale della tua strategia deve basarsi su alcuni punti chiave:

  • Avere un pubblico di destinazione. Trova un gruppo di persone quanto più specifico a cui parlare dei tuoi prodotti: questo rende più semplice per il tuo team visualizzare per chi sta creando contenuti.
  • Conosci i problemi del tuo pubblico. Capire quali sono i motivi di acquisto delle persone con cui stai parlando è fondamentale, e dove non basta la tua conoscenza del mercato puoi ricorrere a diversi altri canali e strumenti, da interviste personali con i soggetti interessati alla ricerca di forum specifici di nicchia. Quali sono i “pain” che il tuo pubblico di destinazione sta soffrendo? Quali sono i blocchi che portano le persone a esitare prima di acquistare i tuoi prodotti?
  • Controllo del contenuto. Questo comporta una valutazione sul contenuto attuale del tuo sito. Non c’è bisogno di avere un sito pieno di contenuti mediocri, molto meglio il “poco, ma buono”. Ecco alcune domande che dovresti farti:
    • I miei contenuti sono tutti originali e leggibili?
    • Ci sono contenuti difficili da comprendere?
    • Le persone condividono i tuoi contenuti sulle piattaforme social?
    • Questo contenuto “fa bene” al tuo brand?
    • Se il contenuto è destinato a convertire un visitatore in cliente, sta facendo un buon lavoro?
  • Analisi competitiva. Una volta che hai una buona comprensione del valore del content che hai creato e che stai creando, dai un’occhiata ai concorrenti del tuo brand per vedere cosa stanno facendo. Probabilmente vedrai che molte delle marche principali fanno un lavoro fenomenale nella produzione di contenuti di alta qualità, e se così non fosse, sei in una posizione ancora migliore. Ci potrebbe essere un’enorme opportunità nel creare contenuti con valore che i vostri concorrenti non riescono a fornire.

 

2. Crea annunci su Facebook per i tuoi prodotti migliori

I commercianti che creano contenuti estremamente utili sono in grado di ricevere molto più valore da queste pagine se le pubblicizzano. Questo consente non solo ai commercianti di guidare il traffico verso queste pagine,  ma anche di fornire ai nuovi utenti un’esperienza preziosa.

Creando contenuti attorno alle esigenze del pubblico rispondendo a domande, offrendo indicazioni o fornendo valore in una varietà di modi creativi, i commercianti sono in grado di apportare una prima impressione positiva.

Ad esempio, supponiamo che il tuo negozio online vende scarpe. Invece di creare una campagna pubblicitaria di Facebook verso una pagina di prodotti per alcune delle tue scarpe in uscita, puoi creare un singolo contenuto intitolato “Le 7 migliori scarpe da ginnastica per l’estate”. Ora, invece di creare annunci multipli attorno a diverse pagine di prodotto, devi solo creare un singolo annuncio per quel contenuto specifico.

Il marketing si è evoluto oltre il punto di vendita costante e la nuova era del marketing digitale richiede ai commercianti di fornire ai propri utenti valore in ogni passaggio. Pubblicizzando i tuoi contenuti di maggior valore, potrai guidare il traffico interessato a risolvere un problema. Ciò consente di inserire “call-to-action” in tutto il tuo contenuto per raccogliere indirizzi email per mantenere la conversazione in corso o per indirizzare il traffico interessato verso una pagina prodotto.

 

 

3. Email Marketing per la fidelizzazione

Il “mail marketing” viene utilizzato da oltre 40 anni per una ragione: funziona.

I commercianti che sono in grado di costruire una lista (sana) di iscritti alle proprie comunicazioni email possono segmentare questo elenco in base a categorie specifiche per inviare messaggi efficaci per promozioni specifiche. Ad esempio, se hai un sito di scarpe, puoi inviare un’e-mail che pubblicizza la tua vendita scontata a acquirenti che hanno una maggiore propensione ad acquistare durante i saldi, e un’altra e-mail ai tuoi clienti che tendono a spendere più soldi per ordine .

Questa strategia consente non solo di raggiungere il pubblico in un dato momento, ma anche rendere possibile la creazione di un rapporto a lungo termine. Fornendo costantemente valore alla tua lista attraverso contenuti utili, potrai costruire fidelizzazione nei confronti del tuo brand. Quanto più efficace è la tua strategia di email marketing, più efficaci saranno le strategie di marketing complessive. Statisticamente, l’email marketing ha un ROI del 4000%, cioè per ogni dollaro investito me ne tornano 40.

Forse la componente più importante dell’email marketing è la capacità di mantenere il traffico. Ciò riduce il rischio inerente associato principalmente a una sola fonte per attirare traffico. Ad esempio, una piccola modifica nell’algoritmo di Facebook potrebbe aumentare drasticamente il costo per raggiungere un numero specifico di persone. Se un’impresa è troppo dipendente da una sola fonte, queste modifiche di algoritmi potrebbero essere letali. Fortunatamente, il mail marketing è rimasto relativamente coerente pur mantenendo la sua efficacia per quasi cinque decenni, prima con la posta tradizionale, oggi (anche) con le email.

 

4. Sfrutta le recensioni dei prodotti e dei social media

I commercianti spesso trascurano completamente le loro recensioni di prodotto come fonte di ispirazione di marketing. Le revisioni organiche e giuste del prodotto svolgono un ruolo importante nel formare fiducia con i vostri acquirenti e non dovrebbero essere “tenute nascoste”. Innanzitutto, è necessario assicurarsi che siano presenti nelle pagine del prodotto e in ogni altra pagina rilevante per la decisione di acquisto.

Tuttavia, il valore delle recensioni non si ferma qui. Integrando le revisioni dei tuoi prodotti nella tua strategia di email marketing e nelle strategie sui social media, ti aiuterà a portare il traffico di utenti che altrimenti avrebbero trascurato la tua email o il tuo annuncio. È importante che queste revisioni siano generate dagli utenti e che siano reali perché, se danno l’impressione di essere false, il tuo brand potrebbe risentirne negativamente.

 

5. Utilizza il remarketing

Un cliente fa clic sul tuo sito e trova un prodotto che gli piace. Lo aggiunge al carrello e continua lo shopping. Improvvisamente… dlin dlon! Una notifica di Facebook. Il potenziale acquirente cambia rapidamente le schede per controllare l’avviso di Facebook e viene risucchiato in una conversazione. Nel minuto in cui il cliente esce dal tuo sito, le possibilità di completare un acquisto diminuiscono notevolmente.

Il retargeting degli annunci consente ai commercianti di ottenere un’altro alleato nel fare una vendita. Il retargeting dinamico consente ai commercianti di inviare un annuncio basato su determinate azioni realizzate da un utente sul proprio sito. Questi annunci possono essere personalizzati in base all’azione specifica (ad esempio, abbandono del carrello) o essere solo un promemoria gentile del tuo sito a un utente che ha trascorso una notevole quantità di tempo in passato (maestro in questo è ad esempio Zalando). Questa strategia aiuta a colmare le lacune nel breve spettro di attenzione del cliente medio di Internet.

Ci sono poche altre ragioni che potrebbero aver causato il rimbalzo degli acquirenti, a parte le distrazioni. Ci sono probabilmente una manciata di prodotti simili ai tuoi, e la convenienza dello shopping online consente agli acquirenti di navigare in diverse opzioni con relativa facilità. Gli annunci di remarketing sono utili perché hanno una probabilità di convertire l’utente in cliente maggiore del 70% rispetto a qualsiasi altro tipo di pubblicità. 

 

Utilizzando questi 5 suggerimenti di marketing, insieme ad altri modi efficaci per aggiungere valore al tuo sito e-commerce, non solo ti aiuterà a fare più vendite, ma fornirà un’esperienza complessiva migliore per i tuoi acquirenti.

 

Condividi: